Come forse ricorderete, perché ne abbiamo parlato alla fine dello scorso anno [v. Sediva News del 12 dicembre 2023 “Il Tar Lazio sospende il titolare effettivo”], il Tar Lazio – con varie ordinanze pubblicate tra il 7 e il 10 dicembre – aveva sospeso il decreto del MIMIT [Ministero delle Imprese e del Made in ITaly] contenente le regole attuative per la trasmissione dei dati del “Titolare Effettivo” alle Camere di Commercio.

Ora il Tar Lazio con 6 sentenze del 9 aprile u.s. [le nn. 6837, 6839, 6840, 6841, 6844 e 6845] ha respinto le impugnative presentate confermando la legittimità dell’impianto del decreto e in particolare dell’accesso “generalizzato” alle informazioni, peraltro espressamente circoscritto a chi sia portatore di un “legittimo interesse”.

Con il rigetto dei ricorsi sorge ora evidentemente la necessità di capire come procedere con riguardo alle comunicazioni al Registro dei titolari effettivi, “interrotte” dalle ordinanze del Tar – come si è visto – proprio a ridosso della data [11.12.2023] di scadenza del termine originario di 60 giorni.

L’unica soluzione praticabile sembra quella di un urgente intervento normativo che stabilisca un nuovo congruo termine per il rispetto dell’obbligo di comunicare il titolare effettivo.

Chi vuole riordinare le proprie idee sui contenuti e le implicazioni di quest’obbligo, e naturalmente anche sui soggetti tenuti ad adempiervi, potrà rileggere le Sediva News del 12.10.2023 [“Titolare effettivo: entro l’11 dicembre 2023 la comunicazione alla Camera di Commercio”] e del 13.10.2023 [“Ancora precisazioni sul titolare effettivo”].

(aldo montini)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!