Ho il magazzino dei farmaci al piano interrato –1; i farmaci sono riposti su delle scaffalature, a che altezza minima da terra devono stare i ripiani?

Le indicazioni in materia di buona conservazione dei farmaci pubblicate sul sito web del Ministero della Salute prevedono testualmente che “i medicinali vanno conservati in modo appropriato per mantenerne invariate le proprietà e per evitare errori pericolosi”.

A questo proposito le principali accortezze – suggerite sempre dal Ministero – sono le seguenti:

  • conservare i medicinali lontano dalla portata dei bambini;
  • conservare i medicinali nella loro confezione originale. In questo modo, è conservato il foglietto illustrativo, il numero di lotto e la data di scadenza del prodotto, oltre la quale il medicinale non deve essere più usato e deve essere eliminato;
  • riporre i medicinali lontano da fonti di calore e non esporli direttamente alla luce. Molti principi attivi possono perdere la loro efficacia se riscaldati, altri invece sono “fotosensibili” e l’esposizione alla luce li danneggia. Generalmente, i medicinali devono essere conservati a temperatura ambiente, in ogni caso inferiore a 30° C, a meno che sulla confezione, non sia esplicitamente raccomandata la conservazione in frigorifero;
  • non riporli insieme ad altre sostanze pericolose, come ammoniaca, benzina o acetone, sostanze che evaporano facilmente o infiammabili. Si corre il rischio di confondere il medicinale con queste sostanze e i vapori che queste possono sprigionare sono in grado di alterare i principi attivi e le confezioni;
  • conservare i medicinali, in particolare le capsule o le pasticche, in luoghi asciutti e non in luoghi umidi, come il bagno o la cucina. La presenza di umidità può far diminuire l’efficacia del medicinale.

È evidente, quindi, che – più che prescrivere altezze minime da terra dei ripiani utilizzati per la conservazione del farmaco o altri parametri del genere – queste raccomandazioni hanno riguardo alle condizioni generali del locale adibito alla conservazione dei farmaci.

Nello specifico, trattandosi di un locale interrato, dovrà ragionevolmente dedicarsi maggiore attenzione al grado di umidità dell’ambiente e – qualora il pavimento non sia adeguatamente isolato – aver cura di riporre i farmaci ad altezza sufficiente per non essere danneggiati dall’umidità risalente dal pavimento.

(stefano civitareale)

 

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!