[…anche per la semplice integrazione della precedente se incompleta]

Lo scorso mese il mio commercialista mi ha presentato la dichiarazione di successione di mio padre ma non abbiamo dichiarato un conto corrente che non conoscevamo. Cosa dobbiamo fare?

Per inserire nell’asse ereditario beni che non sono stati indicati nella dichiarazione di successione già trasmessa, è necessario presentare una dichiarazione di successione sostitutiva, richiamando (nel frontespizio) gli estremi di registrazione – anno, volume e numero – della dichiarazione che s’intende sostituire.
Il nuovo modello può essere inviato telematicamente solo da chi ha presentato la precedente dichiarazione e inoltre, considerando che si tratta in realtà della sostituzione integrale di una dichiarazione a un’altra, è importante compilare tutti i quadri, quindi anche quelli non oggetto di modifica e/o integrazione.
Si tenga presente, per concludere, che è possibile effettuare la modifica/integrazione della dichiarazione precedentemente inviata anche oltre il termine di presentazione della dichiarazione quando però – attenzione – l’Ufficio non abbia ancora notificato l’avviso di liquidazione e/o di rettifica della maggiore imposta, e comunque non oltre il termine previsto per la notificazione dell’avviso stesso, che è il  31 dicembre del 5° anno successivo alla presentazione del modello che si va a correggere/modificare/integrare.

(andrea raimondo)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!