Alla fine dello scorso anno è venuto a mancare mio padre che era proprietario di un immobile che concedeva in locazione ad una società contro un canone di 12.000 euro annui, pagato in due tranches semestrali posticipate di 6.000 euro ciascuna.
Vi chiediamo  se secondo voi nella dichiarazione di successione dobbiamo inserire anche il canone relativo al secondo semestre del 2020, incassato da noi solo lo scorso mese di gennaio, ma solo limitatamente al rateo del periodo 1 luglio/data del decesso.

 

La risposta è affermativa e la risposta è molto più breve della… domanda.

Nell’attivo ereditato, infatti, rientrano anche – in questo caso – tutti i canoni di locazione maturati fino alla data del decesso, anche se [tutti o in parte] riscossi nell’anno successivo.

(andrea raimondo)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!