[…a meno di un’ennesima proroga sul filo di lana]

Se non interverrà un ulteriore rinvio (v. Sediva News del 03/02/2021 e del 21/01/2021) il prossimo 1° marzo cesserà il periodo di sospensione dell’attività dell’Agente della riscossione (AdER) con la conseguenza che riprenderà la notifica delle cartelle di pagamento sospesa nel periodo tra l’8/3/2020 ed il 28/2/2021 e la riscossione di quelle già notificate a quella data e non ancora riscosse, che dovranno essere saldate entro il 31/3/2021.
La riscossione, tuttavia, dovrebbe riprendere – almeno sulla carta – gradualmente per effetto delle varie disposizioni di proroga dei termini di notifica degli atti di accertamento/riscossione intervenute nel corso di questo periodo di pandemia; e infatti in estrema sintesi:

  • gli atti di accertamento, rettifica, liquidazione, irrogazione delle sanzioni, recupero dei crediti di imposta scaduti tra l’8/3/2020 e il 31/12/2020, se emessi entro tale ultima data, sono tempestivi se notificati nel periodo compreso tra il 1/3/2021 e il 28/02/2022, salvi i casi di indifferibilità ed urgenza;
  • sono prorogati di 14 mesi i termini di decadenza della notifica delle cartelle di pagamento risultanti: a) dalla liquidazione delle dichiarazioni ex 36-bis D.P.R. 600/73 e 54-bis DPR 633/72 per l’anno 2018 [N.B. il termine ordinario scadrebbe il 31/12/2022]; b) dalla liquidazione delle dichiarazioni dei sostituti di imposta per i redditi soggetti a tassazione separata per l’anno 2017 [N.B. anche qui il termine ordinario scadrebbe sempre il 31/12/2022]; c) dal controllo formale ex 36-ter DPR 600/73 per gli anni 2017 e 2018 [N.B. il termine ordinario scadrebbe, rispettivamente, il 31/12/2022 e il 31/12/2023].

Tutto questo, s’intende, a meno che – come accennato – non intervenga un’ennesima proroga all’ultimo minuto magari nel contesto di una nuova edizione della “pace fiscale”, di cui naturalmente vi daremo tempestivamente notizia.

(stefano civitareale)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!