Il Decreto Ristori-Quater regala – quasi “sul filo di lana” – una terza proroga alla pace fiscale.

Ricordiamo (V. Sediva News del 26/10/2020) che la prima proroga – al 31/05/2020 – era stata concessa dal “Curaitalia” e riguardava il versamento:

  • della rata con scadenza 28/2/2020 della “definizione agevolata dei carichi affidati all’agente della riscossione” inclusi anche i pagamenti oggetto della cd. “riapertura dei termini”;
  • della rata con scadenza 31/3/2020 del cd. “saldo e stralcio” dei carichi esattoriali.

Con il successivo Decreto Rilancio questa scadenza è slittata al 10/12/2020, sempre con la previsione che – se entro tale data si saldano le rate scadute o in scadenza nel 2020 – si conservano comunque i benefici delle definizioni agevolate.

Ora il Decreto Ristori-Quater, nel testo definitivo approdato in GU, proroga nuovamente – senza alcuna decadenza o aggravio di sanzioni – la scadenza all’1/3/2021.

Viene confermato, tuttavia, che, allo scopo di acquisire con certezza entro questa data tali somme al bilancio dello Stato, non si applica la regola generale secondo la quale il versamento tardivo non oltre i cinque giorni non determina l’inefficacia della definizione e non produce interessi di mora: la richiamata scadenza deve, quindi, intendersi [come la precedente] perentoria.

Inoltre, sempre per queste definizioni agevolate, e sempre per venire incontro alle difficoltà dei debitori a far fronte alle obbligazioni assunte per effetto dell’adesione a queste ultime, i debiti – per i quali alla data del 31/12/2019 si era comunque prodotta la loro inefficacia in dipendenza dell’omesso o tardivo pagamento alle prescritte scadenze – possono essere ammessi, in deroga alla norma generale, alla dilazione ordinaria di cui all’art. 19 D.P.R. 602/73.

Tale beneficio, come abbiamo visto, viene esteso ora anche ai debitori che erano decaduti dalle “vecchie” dilazioni dei ruoli, disciplinate dalle precedenti edizioni della rottamazione, nell’intento evidente di estendere il più possibile l’accesso al pagamento rateale e lo smaltimento dei carichi “scaduti”.

(stefano civitareale)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!