Con il parere favorevole del Garante della Privacy – Provvedimento n. 179 del 13/10/2020 – si è dato il via, a partire dal prossimo primo dicembre, al c.d. cashback che prevede il rimborso del 10% delle spese effettuate utilizzando strumenti elettronici.

Ricordiamo che la Legge di Bilancio 2020 (L. 160/2019) ha introdotto una forma di rimborso di denaro a favore dei soggetti persone fisiche maggiorenni residenti nel territorio dello Stato che – al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arte o professioni – effettuano abitualmente acquisti con strumenti di pagamento elettronici da parte di soggetti che svolgono attività di vendita di beni e di prestazione di servizi.

In sostanza, la misura del cashback è rivolta alle operazioni B2C e prevede un rimborso pari al 10% delle operazioni effettuate all’interno di un semestre, con un minimo di 50 operazioni nel medesimo periodo di tempo: quindi, per esempio, un beneficiario potrà ricevere un rimborso limite di 150 euro in un semestre, corrispondenti ad operazioni per un ammontare complessivamente pari ad € 1.500 [tetto di spesa massimo previsto in sei mesi].

Per richiedere il rimborso bisognerà utilizzare la App IO [già utilizzata per il bonus vacanze] o anche attraverso banche/società [c.d. “issuer convenzionati”] che emettono carte di pagamento; per ciascuna operazione elettronica effettuata, la società che gestisce la transazione trasmetterà al Sistema cashback i dati [importo e data dell’acquisto] che verranno utilizzati al termine di ogni semestre per il calcolo del rimborso spettante, che verrà accreditato sul c/c individuato dal codice IBAN registrato dall’aderente al momento dell’adesione o in un momento successivo.

Inoltre, potrà toccare in sorte anche il maxipremio finale – il c.d. supercashback – che è previsto per i primi 100.000 acquirenti che avranno effettuato il maggior numero di operazioni utilizzando metodi di pagamento elettronici.

 (andrea raimondo)

 

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!