… un cittadino inglese, residente e contribuente in Italia, riceve dall’Inghilterra un accredito sul proprio conto corrente: la somma deriva dall’eredità ricevuta per la morte della madre, residente a Londra.
Quale dichiarazione deve presentare il contribuente all’Agenzia delle Entrate?

Data la mancanza del requisito di territorialità [perché infatti si realizzi un’operazione rilevante ai fini IVA, occorre che la cessione di beni o la prestazione di servizi si consideri effettuata nel territorio dello Stato], il trasferimento a favore dell’erede, e sul suo conto corrente italiano, di denaro proveniente dalla successione di un soggetto non residente in Italia, non fa insorgere l’obbligo di particolari comunicazioni all’Agenzia delle Entrate.
Va precisato, però, che è consigliabile anticipare la notizia dell’accredito alla banca, per i dovuti adempimenti ai fini del monitoraggio e dell’antiriciclaggio.

(gianmarco ungari)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!