Ci riferiamo alla Vs. Sediva news del 13.11.2020, in cui non ci sembra che abbiate chiarito che tra codice lotteria e codice fiscale c’è per il cliente un vero aut aut.
Volete darci una conferma su questo punto?
Grazie

Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n. 0351449 del 11/11/2020 è perfettamente sintetizzabile proprio nell’“aut aut ” da Lei espresso: o il codice fiscale per la detrazione nella dichiarazione dei redditi o il codice lotteria per la partecipazione a quest’ultima.

Per la verità, ci pare che la Sediva News del 13 novembre 2020 abbia espresso proprio questo concetto [anche se forse, da quel che rileviamo dalla Sua email, in termini magari non propriamente incisivi], precisando testualmente che “…la spesa per medicinali… possono anch’essi concorrere alla lotteria degli scontrini purché il cliente chieda al farmacista l’acquisizione/inserimento del codice lotteria, che ricordiamo essere un codice identificativo univoco che il consumatore finale genererà sul “portale della lotteria”, in alternativa al codice fiscale al momento dell’emissione dello scontrino.

Quindi, come vede, siamo tutti d’accordo sull’alternatività tra loro delle due opzioni.

(roberto santori)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!