Ho un mutuo cointestato con la mia compagna per l’acquisto avvenuto l’anno scorso di un immobile intestato solo a lei e a nostro figlio minore, e di fatto l’immobile è la nostra dimora abituale e residenza.
Per quanto mi riguarda sono anche nudo proprietario di un’altra abitazione.
La domanda è: dato che nel frattempo la mia compagna ha perso l’impiego e non può detrarre più gli interessi passivi per incapienza, posso farlo io ed eventualmente in che misura?

La risposta è negativa perché – come abbiamo rilevato altre volte – la detraibilità degli interessi passivi è strettamente dipendente dalla piena coincidenza del soggetto intestatario del mutuo con quello proprietario dell’unità immobiliare.

In assenza di questo requisito congiunto di acquirente e mutuatario, quindi, la detrazione non è riconosciuta.

Anche se non è il Suo caso, e per completezza di informazione, possono invece detrarre gli interessi passivi i contribuenti non titolari di redditi di fabbricati laddove il mutuo sia stato stipulato prima del 1991.

(francesco raco)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!