Ho letto con attenzione la Vs. circolare sul bonus pubblicità 2024, ma non ho capito come viene calcolato il beneficio fiscale una volta che la domanda sia stata presentata.

Il bonus pubblicità 2024 – disciplinato dall’art. 57-bis del d.l. n. 50/2017 – spetta esclusivamente per gli investimenti in campagne pubblicitarie su giornali quotidiani e periodici, pubblicati in edizione cartacea o in formato digitale, registrati presso il Tribunale o il Roc [Registro unico degli Operatori di Comunicazione] e dotati di direttore responsabile.
Come è noto, l’agevolazione già dallo scorso anno è tornata ad essere subordinata al valore incrementale non inferiore all’1% degli investimenti agevolabili, di analoga tipologia, effettuati nell’anno precedente.
Per rispondere al quesito, il beneficio fiscale riconosciuto è pari al 75% del valore incrementale della spesa,  e però è riconosciuto/concesso – come del resto constatiamo sostanzialmente per la totalità delle agevolazioni di questo tipo – fino all’esaurimento delle risorse disponibili [30 milioni di euro] e nei limiti dei regolamenti dell’Unione europea in materia di aiuti de minimis.
Se il fondo messo a disposizione si rivela insufficiente [e anche questo accade molto spesso], la ripartizione delle risorse avverrà in misura proporzionale tra gli ammessi al credito.

(andrea raimondo)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!