Gradirei avere un vostro chiarimento in merito ai seguenti quesiti:
– per una farmacia snc (due soci al 50%) con un utile annuo di € 200.000 che accantona un 10% per patrimonializzazione d’impresa (€ 20.000) ed € 4.000 per TFR dipendenti e che quindi distribuisce ai 2 soci € 88.000, quale sarà il reddito da dichiarare per ciascun socio ai fini IRPEF?
– La patrimonializzazione offre dei vantaggi fiscali?

L’accantonamento degli utili diretto alla patrimonializzazione della società non riduce la tassazione a carico dei soci della snc.

Si applica infatti il principio della c.d. “trasparenza”, in base al quale, qualunque sia il loro destino, gli utili della società vanno imputati nella loro interezza ai soci affinché venga calcolata e versata, da ciascuno di loro, l’Irpef di rispettiva competenza.

Tuttavia, la patrimonializzazione può avere un beneficio fiscale indiretto per il tramite dell’applicazione dell’ACE (aiuto alla crescita economica) che per il 2021 è diventato davvero interessante.

Infatti, sull’incremento del patrimonio sociale il rendimento nozionale è calcolato applicando l’aliquota del 15%, come del resto ampiamente illustrato nella Sediva News del 22 giugno 2021 cui pertanto La rimandiamo.

(stefano lucidi)

 

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!