Non sono riuscito, nonostante i tempi siano apparentemente favorevoli, ad ottenere un mutuo per l’acquisto di casa e avrei quindi pensato di prenderne una in locazione, tentando di sfruttare una soluzione, di cui mi hanno parlato, che mi possa dare un diritto di prelazione in caso di vendita, ma anche una riduzione del prezzo.

È probabile che le abbiano parlato di una tipologia di locazione chiamata Rent to Buy.
Siamo infatti dinanzi a un contratto d’affitto con riscatto: il locatore, cioè, consegna l’immobile immediatamente al futuro acquirente che si obbliga a pagare un canone pattuito di comune accordo, come in un classico contratto di locazione.
Ma successivamente, cioè dopo un periodo di tempo concordato in precedenza tra le parti, il conduttore –  ove decida di esercitare il diritto di prelazione attribuitogli fin d’ora e di acquistare quindi l’immobile – potrà sottrarre al prezzo finale i canoni già corrisposti.
È una soluzione generalmente conveniente, e sembra comunque fare sostanzialmente al Suo caso: infatti, Le basterà pagare “l’affitto” mese per mese e poi al momento della vendita, se sarà ancora interessato, potrà scalare dal prezzo finale, tutto o in parte, l’ammontare degli affitti versati nel corso del periodo di “locazione”.

(cesare pizza)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!