Sono passati ormai 5 anni dall’apertura della farmacia vinta a concorso da me e altri 2 partecipanti. Al tempo abbiamo costituito una snc con durata fino al 2100, anche se a causa di un rapporto tra noi abbastanza problematico vorrei uscire dalla società, ma i miei soci non hanno intenzione di scioglierla né di acquistare le mie quote. C’è qualche possibilità di recedere?

La vicenda da Lei prospettata interessa un aspetto che abbiamo potuto approfondire anche nel Webinar di giovedì 4 aprile u.s. [“Lo scioglimento del rapporto sociale limitatamente a un socio: premorienza, recesso, esclusione”] e più precisamente la fattispecie prevista dal primo comma dell’art 2285 cod. civ., che prevede la possibilità per ogni socio di recederedalla società quando questa è contratta a tempo indeterminato o per tutta la vita di uno dei soci”.
E’ una disposizione che – con tutta evidenza – esprime lo scarso favore con cui il nostro ordinamento guarda ai rapporti giuridici senza autentici vincoli di durata.
Infatti, è vero, che nel vs caso una durata  il vs atto costitutivo/statuto sembra prevederla, ma il 2100 è una data che va ben oltre qualsiasi ragionevole durata della vita dei soci.
Qui, del resto, la giurisprudenza è pacifica nel considerare del tutto equiparabile a una società costituita “a tempo indeterminato” quella la cui durata sia fissata a una data – come certamente è il 2100 – che vada [molto] ragionevolmente ben oltre la vita di uno dei soci.
Lei sembrerebbe pertanto pienamente legittimato a recedere dalla società con il conseguente diritto ad essere liquidato ai sensi dell’art. 2289 cod. civ. e/o nelle modalità previste dal vs contratto sociale, ricordandoLe peraltro che in tale evenienza Lei dovrà rendere nota la Sua volontà di recedere dal contratto sociale con preavviso di tre mesi.
Cogliamo infine l’occasione di queste brevi note per sottolineare ancora una volta l’opportunità di prediligere – nella scelta dei variegati, e talora molto delicati e insidiosi, passaggi dell’atto costitutivo di una società [tanto più se società di persone] – una durata breve, che magari si rinnovi tacitamente, ad esempio, di anno in anno.
E questo, non solo in una società, come la vostra, costituita tra vincitori in forma associata di una sede in un concorso straordinario [dove non di rado, come noto, i componenti la formazione non hanno avuto modo di conoscersi sufficientemente…], ma anche in una società formata tra vecchi amici perché l’insidia nella gestione dei rapporti umani, anche i più consolidati, può ritenersi sempre dietro l’angolo.

(cesare pizza)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!