• L’Agenzia delle Entrate, lo scorso 7 maggio, ha risposto a un interpello di un farmacista romano circa la disciplina fiscale della remunerazione aggiuntiva 2023.
  • Oggetto dell’interpello era dunque il corretto trattamento tributario – ai fini evidentemente delle imposte sui redditi, dell’Irap e dell’Iva – della remunerazione aggiuntiva alle farmacie prevista sui farmaci erogati in regime di SSN, come ben sapete, dalla l. n. 197/2022, che tuttavia la introdusse in via sperimentale per gli anni 2021-2022 per poi però continuare a operare anche nel 2023 e cessare definitivamente il 28 febbraio 2024, con l’ingresso cioè [a decorrere dal 1° marzo 2024] della c.d. nuova remunerazione.
  • Ora, sia il legislatore come anche l’Amministrazione finanziaria hanno stabilito – per gli anni 2021 e 2022 – la neutralità fiscale della remunerazione aggiuntiva sia per quel che attiene (atteneva) alle imposte sui redditi sia sul versante dell’IVA.
  • Tale non imponibilità, come chiarito a più riprese, era da legarsi strettamente all’emergenza epidemiologica da Covid-19.
  • L’Amministrazione finanziaria, con la risposta all’interpello citato all’inizio, se da un lato ha confermato [per il solo 2023, beninteso, perché per il biennio 2021-2022 le cose stavano come abbiamo appena visto] l’esclusione della remunerazione aggiuntiva dal campo di applicazione dell’Iva, dall’altro ha però fatto un’autentica inversione di rotta sulla non imponibilità ai fini delle imposte sui redditi e Irap, sull’assunto che la remunerazione aggiuntiva 2023 è un sistema di remunerazione “stabile”, a differenza per l’appunto di quella del biennio 2021-2022, che era invece, come accennato, anche formalmente “emergenziale” proprio per via della crisi pandemica.
  • In conclusione, la remunerazione aggiuntiva dell’anno 2023 – ormai è chiaro a tutti – non rileva minimamente ai fini dell’Iva [restando di conseguenza fuori dal suo campo di applicazione], ma è certamente imponibile ai fini delle imposte sui redditi e sull’Irap.

(mario astrologo)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!