Io e due colleghi abbiamo appena vinto una farmacia da concorso ma siamo alle prime armi perché veniamo entrambi da uffici pubblici.
Avremmo una domanda, forse banale, da porvi: quali sono esattamente i prodotti che oltre ai farmaci possono essere venduti in farmacia? E quali autorizzazioni servono?

Si tratta in realtà di un tema che può essere utile riproporre, specie a beneficio di chi si approcci solo ora a questo settore magari per aver appena conseguito una sede in un concorso straordinario senza tuttavia aver maturato una grande esperienza al “banco”, come nel Vs caso e come si rileva anche dal quesito.
Del resto, in questi ultimi 10/11 anni sono state parecchie le farmacie di nuova apertura che hanno visto affacciarsi alla “prima linea” della Vs professione farmacisti alle primissime esperienze di gestione di un esercizio delicato e complesso come la farmacia.
Per di più, come saprete certamente anche Voi [e forse l’ufficio pubblico cui avete sinora assolto in questo senso può averVi aiutato…], le farmacie si stanno lentamente convertendo, o riconvertendo, in “supermercati della salute”, senza che questo suoni irrispettoso verso nessuno, o meglio – come più frequentemente si sente dire oggi – del wellness, cioè del benessere psico-fisico in senso lato.
Quest’ultimo, anzi, è un aspetto che – attenzione – rischia di “potenziare” perfino al di là del suo naturale bacino di utenza le farmacie che possono disporre di locali particolarmente predisposti ad allargare la gamma dei servizi alla clientela, e sapete bene di cosa stiamo parlando.
Per entrare, comunque, in qualche dettaglio del tema pur estremamente ampio che avete proposto, ricordiamo che dalla riforma del Commercio (D.Lgs. 114/98) il problema in generale è uscito sicuramente ridimensionato, specie sotto l’aspetto pratico, perché, schematizzando, una farmacia, oltre evidentemente a poter erogare tutti i ben noti “nuovi servizi”, di cui pure abbiamo ampiamente parlato, può vendere/erogare al dettaglio [quindi, si badi bene, mai all’ingrosso se non previo il rilascio alla farmacia della prescritta autorizzazione regionale]:

a) tutti i prodotti e servizi riconnessi alla concessione/autorizzazione per l’esercizio della farmacia (e quindi, oltre ai farmaci, anche i prodotti a essi complementari, i presìdi medico chirurgici, i dispositivi medici, ecc.);

b) previa una specifica autorizzazione commerciale (oggi sostituita dalla SCIA) – che non può comunque essere negata, se non in casi limite sui quali non vale la pena soffermarsi – anche gli articoli e i prodotti di cui alla tabella merceologica speciale per i titolari di farmacia (allegato 9 del D.M. Industria n. 375/88: la c.d. “ex Tabella XIV”) e pertanto gli alimenti dietetici e destinati a un’alimentazione particolare, i prodotti igienici, gli articoli di puericultura, gli articoli sanitari, i prodotti cosmetici, i liquori e i pastigliaggi medicati, i prodotti chimico-farmaceutici, ecc.;

c) infine, anche ulteriori prodotti/articoli/apparecchi, ecc. inerenti a vari altri settori merceologici, alimentari e non, non compresi in quelli di cui alla lettera precedente e tuttavia parimenti compatibili con l’esercizio della farmacia, ma previa una specifica e diversa autorizzazione commerciale “ad hoc” (anch’essa oggi sostituita dalla SCIA) il cui rilascio può comunque essere soggetto a una valutazione discrezionale delle esigenze dell’utenza e della pianificazione commerciale.

Perciò, in definitiva, per essere in grado [come l’incessante accentuarsi di spinte pro-concorrenziali sta forse sempre più imponendo …] di offrire un’ampia gamma alla propria clientela, la farmacia potrebbe avvertire la necessità di dotarsi, per così dire, anche della terza “licenza” di cui sub c), oltre evidentemente a quelle sub a) e b) inerenti per loro natura all’esercizio della farmacia.
È un tema in ogni caso molto esteso e articolato che andrebbe perciò sviluppato anche sotto altri aspetti, forse perfino più importanti, ma non può essere questa la sede per trattarne.

(stefano civitareale)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!