Ho visto che finalmente vi state occupando anche della gestione della farmacia da un punto di vista strettamente tecnico/professionale e penso che quindi possiate darmi un chiarimento su quale sia esattamente la differenza tra la data di scadenza e quella di rititolazione delle sostanze detenute in farmacia.

Premettendo doverosamente che in questi specifici aspetti della gestione tecnico professionale della farmacia non intendiamo – anche per limiti culturali – entrare se non in termini, per così dire, epidermici, qui possiamo comunque tentare una risposta, magari non particolarmente approfondita, ma forse sufficiente a fornirLe i chiarimenti richiesti.
Quelli da Lei citati, comunque, sono sicuramente due concetti differenti, da cui derivano sul farmacista obblighi altrettanto diversi tra loro, e precisamente:

  • la data di scadenza segna l’inutilizzabilità della sostanza, che non potrà dunque più essere esposta/utilizzata ma dovrà essere accantonata e, successivamente, smaltita;
  • la data di rititolazione, una volta sopraggiunta, dà luogo invece alla possibilità di ‘rivalidare’ – attraverso, appunto, la c.d. rititolazione – la sostanza, laddove il titolo della sostanza stessa risulti ancora conforme al valore contenuto nel certificato di analisi.

Al riguardo di questo secondo aspetto, crediamo di dover anche precisare che tra i diversi metodi previsti per l’attribuzione di una nuova data di rititolazione c’è quello dell’assegnazione alla sostanza di un periodo di validità pari alla metà di quello inizialmente previsto.
E però, teniamo sempre presente che di una qualsiasi operazione di rititolazione – di cui il farmacista è responsabile, salva l’ipotesi in cui questi si affidi ad un laboratorio esterno certificato – è opportuno, in ogni caso, lasciare traccia mediante documentazione scritta che descriva anche, attenzione, il metodo di analisi impiegato.
Queste, senza alcuna pretesa – ci preme ribadirlo – di esaustività [e ancor meno di… “infallibilità”], le principali differenze tra i due concetti.

(aldo montini)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!