Vi scrivo per avere dei chiarimenti sulla dispensazione di benzodiazepine rientranti nella sez. E della tabella dei medicinali, dal momento che qualche giorno fa mentre ero al banco ho avuto un battibecco con un cliente della farmacia, che pretendeva la vendita di un farmaco a base di benzodiazepine, nonostante fossero già decorsi 35 giorni dall’emissione della ricetta medica, e sosteneva che la ricetta fosse ancora valida.

Questa, per la verità, non è materia che affrontiamo nella Rubrica anche e soprattutto per la scarsa dimestichezza, specie da parte di chi scrive, con questi temi specifici.
Qui però un’eccezione – perché solo di eccezione può trattarsi – può essere plausibile perché in realtà è un quesito abbastanza semplice e “accessibile” anche a noi.
Ci sembra infatti sufficiente rammentare che la dispensazione di farmaci a base di benzodiazepine a uso diverso da quello parenterale [rientranti nella c.d. sezione E della tabella dei medicinali di cui al D.P.R. n. 309 del 9 ottobre 1990] presuppone inequivocabilmente la previa presentazione di una prescrizione medica che tuttavia – ecco il punto – ha una validità di trenta giorni, oltre a essere ripetibile per non più di tre volte.
Resta salva, beninteso, l’ipotesi in cui il medico abbia indicato nella ricetta un numero di confezioni superiore a 1 [uno], circostanza, quest’ultima, che esclude in radice e in principio la sua ripetibilità.
Inoltre, se non ricordiamo male, la Fofi ha avuto occasione di intervenire più volte su questo tema precisando che il farmacista deve apporre su tali ricette il timbro della farmacia e, solo in caso di prescrizioni di preparazioni galeniche, anche la data di spedizione e il prezzo praticato.
Conclusivamente, laddove nell’arco temporale dei trenta giorni le dispensazioni di questo farmaco abbiano raggiunto il numero di 3 [rilevabile, è chiaro, dai timbri della farmacia da apporre ineludibilmente, come detto, sulla ricetta], e comunque una volta decorso interamente il periodo, la prescrizione non può più essere spedita, a garanzia evidentemente del corretto utilizzo del medicinale.
Insomma, la Sua condotta nei confronti del cliente è stata – ci pare – del tutto ineccepibile.

(gustavo bacigalupo)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!