[…e la sua gestione fiscale in autoconsumo]

 

Devo predisporre la cassetta di pronto soccorso della farmacia, utilizzando naturalmente prodotti che abbiamo qui in vendita, prelevandoli perciò dal magazzino.
Come devo regolarmi dal punto di vista fiscale?

E’ impensabile – come giustamente anche Lei osserva – che per allestire la propria cassetta di pronto soccorso una farmacia ricorra o debba ricorrere ad acquisti esterni, se non eccezionalmente per un paio di articoli o prodotti.
Siamo dunque in presenza del classico autoconsumo, che può presentare, però, un duplice aspetto:

1) c’è in primo luogo l’autoconsumo per fini personali, quale ad esempio un flacone di bagnoschiuma che viene portato a casa: qui l’autoconsumo va formalizzato proprio con l’emissione di un documento commerciale dal registratore telematico (RT) al valore normale, cioè in pratica al prezzo al pubblico del prodotto, “restituendo” in tal modo [per così dire] l’iva detratta al momento dell’acquisto; ai fini delle imposte dirette, poi, l’operazione costituisce un ricavo imponibile a tutti gli effetti, contrapposto al costo dedotto con la registrazione della fattura del fornitore;

2) c’è poi l’autoconsumo per fini aziendali, ed è esattamente il caso in questione, in cui per la verità non si configura un vero e proprio “autoconsumo” dato che l’uso del bene mantiene comunque la sua stretta inerenza all’attività aziendale; semplicemente, cioè, ne viene mutata la funzionalità, anche se occorre riclassificare in contabilità il costo di acquisto, trasferendolo dalla merce destinata alla rivendita ai materiali di consumo ed eseguire una variazione delle rimanenze di merci in magazzino.

E tuttavia, attenzione, in questa seconda ipotesi di autoconsumo, non bisogna minimamente “restituire” l’iva già detratta, né annullare il costo con un ricavo, restando infatti in tale evenienza – come chiarito – l’uso del bene perfettamente inerente all’attività aziendale, tenuto conto che se ne muta semplicemente la funzionalità.
Come si vede, in conclusione, per i prodotti della cassetta di pronto soccorso non occorre in realtà alcuna formalizzazione neppure con riguardo al registratore telematico.

(stefano civitareale)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!