Ogni sei mesi viene aggiornato un indice denominato CET 1 (Common Equity Tier 1), cioè il parametro che aiuta a stabilire se un istituto di credito è solido e ci si può dunque fare affidamento.
Le banche più solide [senza ovviamente voler far pubblicità a chicchessia] parrebbero le seguenti, quantomeno sotto questo aspetto:

  • Mediolanum 20,7%
  • Fineco 20,3%
  • Banca Sella 18,6%
  • Banca Popolare di Sondrio 15,4
  • Credit Agricole 17,2%
  • Credito Emiliano 13,72%
  • Intesa Sanpaolo 13,5%
  • Unicredit 14,9%
  • Monte dei Paschi di Siena 15,6%

E allora, attenzione al rapporto bancario e verificate ogni sei mesi su internet qual è il CET 1 della vostra banca.
Come si fa a trovare il CET 1 su internet?
Basta collegarsi al motore di ricerca tipo Google, inserire il nome della banca e la sigla CET1.
Quando il CET1 è inferiore all’8% fuggite!
Inoltre le banche solide dal IV trimestre 2023 corrispondono sui depositi attivi in conto corrente gli interessi del 3%, o giù di lì.
Controllate infine il riassunto a scalare, che è il documento che le banche inviano a fine anno unitamente al relativo estratto conto.
E, se non risulta nessun accredito di interessi, o se si tratta di interessi in misura del tutto inconsistente, protestate.

(franco lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!