Ho da poco ristrutturato la mia prima casa sostenendo spese per la riqualificazione energetica. Tuttavia, ho inviato il bonifico senza rendermi conto che lo avevo compilato inserendo “riqualificazione edilizia”, invece della corretta dicitura “riqualificazione energetica”. Vorrei quindi sapere se, nonostante questo errore, potrò comunque beneficare nella dichiarazione dei redditi 2024 della detrazione del 65% per le spese sostenute.

 

La risposta è affermativa.

L’Agenzia delle Entrate, infatti, con la circolare n. 17/2023, ha specificato che il mero errore materiale del contribuente che inserisce i riferimenti normativi della detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio [L449 Art. 16bis DPR 917/1986 (L449)] a fronte della corretta dicitura [L296 Legge 296/06 Riqualificazione energetica] non pregiudica – ovviamente in presenza di tutti i requisiti e le condizioni previste dalla legge – il diritto alla detrazione del 65% senza dunque la necessità di provvedere a ulteriori adempimenti.

(mauro giovannini)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!