Ho ricevuto in banca l’accredito delle fatture emesse alla Asl. Mi rendo conto che ne avete parlato tanto, ma a me non è ancora chiaro se devo necessariamente emettere lo scontrino.

Indubbiamente può essere utile a tutti – anche se l’argomento è già stato affrontato ripetutamente – riparlarne una volta di più, e ampliando almeno in parte il tema.
Dunque, gli incassi da parte della farmacia degli importi relativi alle fatture elettroniche per DPC, Assistenza integrativa, Webcare/INTD, IRC, Recup, ecc., non devono essere “battuti” nel Registratore Telematico, perché la loro rilevazione ad opera dell’Agenzia delle Entrate è già avvenuta proprio con la trasmissione telematica delle Fatture Elettroniche Pubblica Amministrazione (FEPA) allo SDI.
Per di più, tali fatture vengono emesse in regime di Split Payment e quindi non contengono iva a debito.
Pertanto, e crediamo che questo aspetto lo abbiate già colto, se la farmacia formalizzasse tali incassi in un documento commerciale (ex scontrino fiscale), ne deriverebbe a suo danno lo scorporo dell’iva con il metodo della ventilazione: ne conseguirebbe, cioè, che l’ammontare dell’iva scorporata finirebbe con il concorrere anch’esso alla formazione del debito d’imposta in sede di liquidazione iva del mese o trimestre in cui l’incasso è avvenuto.
Insomma, un bel danno economico!
Anche gli incassi dei distributori automatici non devono essere più “battuti” nel Registratore Telematico perché il loro ammontare viene già trasmesso periodicamente all’Agenzia delle Entrate tramite app o, per quelli di ultima generazione, inviato in maniera automatica dalla vending machine stessa.
Permane invece l’obbligo di emettere il documento commerciale per gli incassi delle Distinte Contabili Riepilogativi (DCR), dato che è appunto l’ex scontrino a determinare, come noto,  il momento impositivo ai fini iva.
L’importo in tal caso verrà quindi scorporato sempre con il metodo della ventilazione e concorrerà – questa volta correttamente – nel calcolo della liquidazione iva periodica.

(roberto santori)

 

 

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!