Nuova chance per chi non ha presentato la domanda per il contributo a fondo perduto: riaprono infatti i canali telematici, sia pure solo per pochi contribuenti.
È questa la novità contenuta nell’art. 60 del Decreto Agosto [definitivamente convertito con l. 126/2020], che prevede infatti questa parziale riapertura dei termini per il riconoscimento del contributo introdotto dall’art. 25 del Decreto Rilancio (v. Sediva News del 25/05/2020) per i soli soggetti localizzati nei comuni colpiti da calamità e che – come forse ricorderete – potevano beneficiare del contributo indipendentemente dal requisito della riduzione di fatturato e/o corrispettivi del mese di aprile 2020 rispetto allo stesso mese del 2019.
Sarà però, come ormai è la regola, un apposito provvedimento delle Entrate a stabilire la data per il riavvio di una procedura che aprirà una nuova finestra di 30 giorni per la proposizione delle istanze da parte appunto di contribuenti localizzati in comuni “calamitati e montani”.
Il beneficio si rivolgerà però, si badi bene, ai soli soggetti che non abbiano presentato la domanda già prevista dal Rilancio.
Per comuni “calamitati e montani”, come sapete, si intendono quelli classificati come tali nell’elenco predisposto dall’Istat o ricompresi nella Circolare 9 del 1993 del Ministero delle Finanze.
Potrà essere utilizzata la stessa procedura telematica prevista nella prima tornata e sarà quello stesso provvedimento delle Entrate a stabilire anche ulteriori aspetti tecnici per la riapertura dell’opportunità per la quale, è bene precisarlo, il fondo stanziato è soltanto di 5 milioni di euro.

(andrea raimondo)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!