Sono comproprietario di una seconda casa in un altro comune concessa in comodato gratuito a mio fratello e per la quale io pago l’Imu.
La devo comunque inserire in dichiarazione per il calcolo dell’Irpef?

L’Imu in generale sostituisce l’Irpef [e relative addizionali] dovuta sui redditi dei fabbricati non locati e perciò anche su quelli concessi in comodato d’uso gratuito.

Ma tali immobili, anche quando il comodatario sia un familiare, devono comunque essere indicati dal proprietario [e quindi da Lei per quel che riguarda la Sua quota] nel Modello Redditi Persone fisiche o nel Modello 730.

Anche se non è il Suo caso, ricordiamo comunque che se l’immobile non locato e assoggettato a Imu si trova nello stesso comune in cui è ubicato quello adibito ad abitazione principale, il reddito concorre alla formazione della base imponibile dell’Irpef e delle addizionali nella misura del 50%.

(marco righini)