Per quanto riguarda le spese per le visite mediche da portare in detrazione di solito io e mia moglie utilizziamo il bancomat o la carta di credito intestate a me ma collegati ad un c/c bancario cointestato.
Ora, ai fini della tracciabilità dei pagamenti per la detrazione in dichiarazione dei redditi va bene così o la carta/bancomat deve essere intestata al soggetto che porta in detrazione la spesa?

I pagamenti delle fatture di medici effettuati, come nel Suo caso, con carte di credito o bancomat intestati a uno solo dei coniugi – ma collegati a un c/c cointestato anche con l’altro – consentono in ogni caso la tracciabilità delle spese proprio perché il c/c bancario da cui vengono prelevati gli importi è comunque intestato (anche) al soggetto nei cui confronti viene emessa la fattura.

Sono pertanto interamente detraibili sia le fatture mediche emesse a un coniuge che quelle emesse all’altro, indipendentemente dall’intestazione della carta di credito con cui si operano i pagamenti.

(marco righini)

***

Nonostante quel che siamo costretti a fronteggiare, o magari proprio per questo,

BUONA PASQUA a tutti

e arrivederci a martedì 14 p.v., perché almeno quest’anno non vogliamo interrompere i nostri colloqui con Voi.