Da quest’anno è in vigore, come anticipato a tempo debito, una novità – peraltro di dubbia costituzionalità – che può rivelarsi onerosa o anche molto onerosa per i contribuenti troppo distratti o negligenti.
Si tratta della indetraibilità dell’iva relativa alle fatture emesse nel corso di un anno, ad es. nel 2017, laddove esse non siano annotate nella contabilità entro il 30 aprile dell’anno successivo, ovvero (se si preferisce) la detrazione dell’imposta non sia stata comunque operata nella dichiarazione annuale dell’iva che da quest’anno va presentata infatti entro il 30 aprile successivo, perciò nell’esempio il 30 aprile 2018.
Trascorso tale termine – ecco quindi il prezzo da pagare per la scarsa attenzione prestata a questo aspetto – la registrazione della fattura resta possibile ma, si badi, non consente la detrazione dell’iva che quindi va definitivamente perduta (di qui il sospetto di dubbia incostituzionalità cui si è fatto cenno).
Anche quest’anno l’invito alle farmacie assistite è dunque quello di guardare con la massima diligenza, in particolare, alle fatture del mese di dicembre 2017, quelle cioè datate o da datare dicembre perché riferite a merce consegnata nello stesso mese, valutando magari l’opportunità di sollecitare i fornitori a inviarle più rapidamente rispetto ai tempi osservati nei mesi precedenti [in pdf per le farmacie i cui documenti vengono da noi “dematerializzati”, in cartaceo per le altre].
Ma evidentemente il discorso vale allo stesso modo anche per le fatture che la farmacia avrebbe dovuto ricevere già da tempo nel corso di quest’anno (da un fornitore, da un avvocato, da un idraulico, ecc.) e che ancora non le siano invece pervenute.
Insomma, come vedete, è necessario dal 2017 prestare un’attenzione ancora maggiore alla documentazione che dovrete ricevere, perché ora una registrazione tardiva delle fatture può comportare per la farmacia una perdita secca di denaro.

(franco lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!