Come sempre leggo con interesse le vostre news, e mai avrei pensato che avremmo rimpianto Equitalia… comunque la domanda: visto che il Fisco può sbagliare anche lui, come ci si potrà difendere da una cartella pazza?

Le cartelle cui Lei si riferisce, proprio perché “pazze”, assumono una pretesa evidentemente illegittima o – peggio ancora – addirittura inesistente, oppure, tanto per citare un altro esempio, recano importi per errore decuplicati o cose del genere.
In questi casi conviene interpellare al più presto l’ente creditore che ha emesso il ruolo e, laddove presso i suoi uffici non si riscontrino anomalie, si deve davvero prendere in considerazione l’ipotesi di un errore proprio dell’agente della riscossione e quindi rivolgersi direttamente a quest’ultimo, che d’altra parte è appunto il soggetto che ha notificato la cartella.

(valerio salimbeni)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!