Quando il cliente paga con il bancomat più scontrini parlanti perché emessi a più persone, può bastare una sola transazione?

Un pagamento cumulativo contestuale (che sia o meno effettuato con mezzi elettronici), che riguardi quindi più scontrini “parlanti” emessi a soggetti diversi (come un gruppo di familiari), a fronte – s’intende – di più cessioni di beni, non dovrebbe comportare nessun problema per la farmacia che dovrà infatti riepilogare in ogni caso l’ammontare riscosso tra i corrispettivi della giornata.
Ma nessun problema neppure per i clienti, considerato che ai fini dell’eventuale detrazione fiscale è sufficiente per loro conservare il rispettivo scontrino “parlante” – v. art. 15, comma c), del TUIR – e non altra documentazione riguardante il mezzo di pagamento usato o altro.

(paolo liguori)