Nella vita di una famiglia accade spesso che i genitori forniscano la provvista necessaria ai propri figli per l’acquisto di beni immobili o mobili.
E’ una prassi che tuttavia viene sottoposta pressoché regolarmente al vaglio del Fisco, che è infatti autorizzato dalla normativa tributaria vigente a chiedere al figlio (e se del caso anche al genitore) come abbia potuto procedere a un acquisto, magari oneroso, senza avere una storia fiscale alle spalle.
La risposta fa generalmente riferimento all’intervento di uno o ambedue i genitori, ma la semplice affermazione non è sufficiente, secondo la Cassazione, a bloccare l’azione accertatrice del Fisco, né può farsi riferimento all’alta probabilità che sia intervenuta una donazione di fatto da parte di padre e/o madre, essendo necessario per la Suprema Corte fornire la prova della liberalità producendo la relativa documentazione di sostegno.
Cosicché, ove non si forniscano tali prove, l’Agenzia è autorizzata ad emettere un avviso di accertamento nei confronti del figlio per presunti redditi evasi negli anni precedenti l’operazione di acquisizione del cespite oggetto di verifica.
Per difendersi da queste presunzioni, oltre a enunciare, ad esempio, nel rogito di compravendita di un immobile l’avvenuto intervento genitoriale, sarà opportuno ma molto spesso necessario:
– procedere dapprima con un separato rogito notarile alla donazione di denaro a favore del figlio, che avrà poi cura di utilizzarlo – in tempi abbastanza ravvicinati – per l’acquisto del bene mobile o immobile;
– oppure, procedere a un preventivo bonifico della somma necessaria all’acquisto dal conto corrente bancario del o dei genitori sul conto del figlio, che anche in questo caso ne farà uso evidentemente per perfezionare l’acquisto.
Di fronte a queste operazioni appunto preventive il Fisco arresterà la sua azione accertatrice, sempreché a loro volta – beninteso – il o i genitori siano in grado di giustificare sulla base delle proprie dichiarazioni fiscali l’ammontare della somma erogata.

(stefano lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!