La farmacia è in un centro storico e abbiamo grandi difficoltà per il parcheggio dei clienti magari riservato ai casi di urgenza, ma anche per il carico e scarico delle merci.
Ne avete parlato poco tempo fa e vorrei quindi chiedere a voi se il comune potrà favorirci.

Soprattutto per le farmacie ubicate,come la Sua, nel centro storico di una città, questo è un problema sempre più avvertito e quindi ci sembra opportuno riparlarne brevemente.
Il Codice della strada (d.lgs. 285/1992) dispone (art. 7) che “nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco:… e) stabilire aree nelle quali è autorizzato il parcheggio dei veicoli,” nonché… “g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico delle cose.”
Il provvedimento comunale dovrebbe però specificare anche i motivi della sosta, cioè se questa sia o meno consentita – sempre, s’intende, nei limiti di tempo fissati – a chiunque abbia necessità di accedere in farmacia per le ragioni più varie, quindi tanto per il carico e scarico di merci quanto per l’acquisto di farmaci, urgenti o meno urgenti.
Diversamente, bisognerebbe sempre fare i conti con il timore di vedere irrogare contravvenzioni quando il mezzo sia parcheggiato nell’area riservata per motivi diversi da quelli specificati nel provvedimento.
Come vede, perciò, una visita negli uffici comunali è in pratica indispensabile, sia per verificare la fattibilità della cosa sia per acquisire informazioni su come concretamente attivare la richiesta.

 (valerio pulieri)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!