Sono titolare individuale di una farmacia in contabilità semplificata e sono molto interessato alla nuova IRI ma come avete scritto anche voi  i “semplificati” non possono accedervi. se e’ così, come posso ovviare?

E’ un tema che abbiamo affrontato più volte recentemente e anche in termini approfonditi perché naturalmente molto attuale.
E’ vero dunque che la tenuta della contabilità ordinaria costituisce la condizione fondamentale per accedere al nuovo regime agevolato, e questo per la semplice ragione che, ai fini del suo funzionamento,  è necessario rilevare contabilmente i prelevamenti di utili e/o riserve di utili effettuati dall’impresa.
Tuttavia, i “semplificati” potranno sempre scegliere – anche soltanto al fine di aderire alla nuova “flat tax” sul reddito di impresa – per la contabilità ordinaria già a partire da quest’anno (il 2017 è infatti l’anno di partenza dell’IRI) istituendo i necessari registri, ma comunicando all’Agenzia delle Entrate la doppia scelta, cioè l’opzione per la contabilità ordinaria (nel Modello IVA/2018 – quadro VO) e quella per l’IRI (nel Modello Redditi/2018).

(franco lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!