Vorrei chiederVi se il vincolo della incompatibilità fra titolarità e dipendenza di una azienda farmaceutica viene meno in caso di aspettativa.

L’aspettativa non interrompe il rapporto di lavoro che dunque continua a spiegare la sua efficacia.
Il che pertanto sembra sufficiente per escludere che l’aspettativa sia un rimedio per evitare il configurarsi della causa di incompatibilità prevista sub c) del comma 1 dell’art. 8 della l. 362/91.
Non è dunque questa la strada per eludere il divieto di partecipazione.

(stefano lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!