Ho letto nelle vostre Sediva News che nel 2017 potrei pagare meno imposte con l’IRI.
Ma quante imposte si risparmiano con questo nuovo sistema di tassazione?

La Legge di Stabilità 2017, dopo tanti anni di promesse, ha finalmente introdotto l’IRI, che, come abbiamo peraltro rilevato più volte in questi ultimi mesi, prevede l’applicazione dell’aliquota fissa pari al 24% sull’utile realizzato, e non prelevato dal titolare o dai soci, dalle imprese individuali e società di persone (purché, ricordiamolo ancora, in contabilità ordinaria).
Pertanto, a partire dal 2017 il calcolo delle imposte verrà effettuato nel seguente modo:
– IRPEF progressiva dal 23% al 43% + addizionali regionale e comunale sull’utile realizzato e prelevato;
– IRI fissa al 24% sull’utile realizzato e non prelevato.
In sostanza, è una forma di equiparazione delle ditte individuali e società di persone (le sole forme al momento consentite per l’assunzione della titolarità di una farmacia) alle società di capitali, che infatti da quest’anno pagano l’IRES nella misura del 24%.
Ma vediamo, per rispondere al quesito, qual è il vantaggio effettivo sulla base di questi tre esempi, nei quali si assume sempre un utile di esercizio pari a € 100.000:

Esempio 1
Utile interamente prelevato                     € 100.000
IRPEF progressiva                                                           € 36.170
Addizionali regionale e comunale                           €   2.000
Totale imposte                                                                  €  38.170

Esempio 2
Utile in parte prelevato (€ 5.000/mese)      € 60.000
IRPEF progressiva                                                                             € 19.270
Addizionali regionale e comunale                                            €   1.200
Utile non prelevato                                                € 40.000
IRI 24% su € 40.000                                                                         €   9.600
Totale imposte                                                                                    € 30.070
Risparmio imposte                                                                            €   8.100

Esempio 3
Patrimonio netto positivo*                      € 200.000
Utile prelevato                                                €       zero
IRPEF progressiva                                                            €     zero
Addizionali regionale e comunale                             €     zero
Utile non prelevato                                  € 100.000
IRI 24% su € 100.000                                                € 24.000
Totale imposte                                                              € 24.000
Risparmio imposte                                                      € 14.170

* Il “patrimonio netto positivo” si genera nel bilancio delle imprese anche mediante l’accantonamento di utili realizzati negli anni e prelevati in misura inferiore (cosa per la verità sinora non molto frequente tra i titolari di farmacia) e da apporti di capitale effettuati dal titolare o dai soci.

E’ evidente quindi che più l’azienda è patrimonializzata, e perciò più l’azienda ha accantonato in bilancio utili non prelevati di esercizi precedenti (sui quali – attenzione – sono state comunque pagate le imposte), ovvero più ha beneficiato di apporti di capitale del titolare e/o dei soci, e più riuscirà a massimizzare il beneficio dell’IRI, perché tutto l’utile del 2017 o degli anni successivi potrà essere lasciato nella farmacia, pagando così solo l’imposta al 24%, e potendo prelevare per le esigenze personali e familiari proprio gli utili degli esercizi precedenti (già assoggettati, lo ripetiamo, a tassazione ordinaria).
A questo scopo, sarà nostra cura stratificare nel bilancio gli utili maturati fino al 31.12.2016 e quelli successivi.
Invece, come a questo punto sarà chiaro, per le farmacie che presentano un deficit patrimoniale (prelievo del titolare o soci eccedente l’utile) l’agevolazione non è fruibile.

(roberto santori)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!