Le farmacie che hanno concesso veicoli aziendali, per uso anche personale, ai propri dipendenti o collaboratori dovranno determinare il valore del relativo benefit (cioè del compenso in natura) da inserire in busta paga per l’anno 2017 sulla base delle nuove tabelle nazionali elaborate dall’ACI e pubblicate sul S.O. n. 58 alla G.U. n. 294 del 22/12/2016 (disponibili anche sul Web su vari siti).
Si tratta – lo ricordiamo – di un benefit forfetario perché la sua tassazione in capo al dipendente o al collaboratore avviene appunto forfetariamente, cioè prescindendo da qualunque valutazione in ordine ai costi effettivi dell’utilizzo del veicolo.
Infatti, ai sensi dell’art. 51, comma 4, lett. a) del T.U.I.R, viene assunto – quale ammontare imponibile del bonus – il  30% della somma  corrispondente ad una percorrenza convenzionale annua di 15.000 chilometri, calcolata secondo il costo chilometrico di esercizio desumibile, per l’appunto, dalle tabelle nazionali che l’ACI deve elaborare entro il 30 novembre di ogni anno e il Ministero dell’Economia pubblicare entro il 31 dicembre, con effetto dall’anno successivo; dall’importo così determinato si sottraggono, ai fini della tassazione, gli (eventuali) importi trattenuti al dipendente (ad esempio: il valore del carburante consumato oltre un certo ammontare concordato).
Ricordiamo, infine, che per ciascun modello di veicolo le tabelle definiscono il costo chilometrico e l’importo del benefit annuale corrispondente; se, tuttavia, il modello utilizzato dal nostro dipendente non è compreso tra quelli che figurano nelle tabelle, si dovrà fare riferimento alla tariffa ACI relativa al veicolo che in tabella vi si avvicina maggiormente  per cilindrata, potenza, prezzo, ecc.

(stefano civitareale)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!