È vero che il certificato di agibilità del locale non è più richiesto, neppure in caso di vendita della farmacia?

È così, perché il d.lgs n. 222 del 25/11/2016, nel quadro della legge di riforma della P.A. n. 124 del 2015, consente – tra le agevolazioni in campo immobiliare – di sostituire il famoso certificato di agibilità rilasciato dal Comune con la certificazione di un professionista che attesti “la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti stessi istallati, valutato secondo quanto dispone la normativa vigente, nonché la conferma dell’opera al progetto presentato e la sua agibilità”.
Si tratta di una disposizione che era molto attesa anche nel vostro settore perché, tra l’altro, rende molto più rapido il rilascio del provvedimento di riconoscimento del trasferimento della titolarità di una farmacia, che talvolta – proprio per l’ostacolo che nel concreto rappresentava l’acquisizione del certificato di agibilità del locale – richiedeva tempi inaccettabilmente lunghi.

(franco lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!