NORMATIVA, GIURISPRUDENZA & PRASSI (in pillole)

➢ Dietro Front (!): per gli accertamenti fiscali “a tavolino” il
contraddittorio non è obbligatorio
Corte di Cassazione – SS.UU. – sent. 09/12/2015, n. 24823
A distanza di poco più di un anno da una precedente pronuncia sullo stesso
delicatissimo tema, le Sezioni Unite della Suprema Corte fanno
letteralmente “marcia indietro”, affermando che non c’è nel nostro
ordinamento una norma specifica che obblighi l’A.f. ad attivare il
contraddittorio con il contribuente prima di emettere una accertamento.
Dunque, anche gli accertamenti emessi senza che si sia proceduto ad una
verifica presso i luoghi dell’azienda – ovvero presso i luoghi ove sono
conservate le scritture contabili – non possono essere dichiarati nulli
tout court per il solo fatto di non essere stati preceduti dal preventivo
contraddittorio istauratosi tra il Fisco ed il contribuente.
Si ha però la netta sensazione che si tratti di una decisione soprattutto
“politica”, cioè biecamente “pro Erario”.

(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!