La diminuzione del prezzo di alcuni farmaci – QUESITO
Ad Ottobre c.a. c’è stata una diminuzione del prezzo di molti farmaci.
Quali i riflessi per la farmacia. C’è una minusvalenza?

I provvedimenti dell’AIFA che stabiliscono una riduzione dei prezzi dei
farmaci comportano per la farmacia una perdita, commisurata naturalmente
ai prodotti giacenti in magazzino nel giorno stesso in cui si applica la
riduzione.
Tale perdita può essere contabilizzata tra le sopravvenienze passive e a
tal fine bisogna predisporre un documento che evidenzi per ciascuna
specialità interessata dal provvedimento il codice prodotto, il nome del
prodotto, la ditta produttrice, la classe di appartenenza, il prezzo
precedente, il nuovo prezzo e la differenza tra l’uno e l’altro.
La maggior parte dei software gestionali di farmacia producono (su
richiesta) questo documento necessario per la contabilizzazione e
conseguente deduzione della sopravvenienza passiva. In alternativa, il
farmacista può predisporre un foglio di lavoro, magari in formato Excel,
che contenga tutti gli elementi sopra indicati, come quello che inviamo
alla fine di ogni anno alle farmacie da noi assistite, da compilare a cura
di coloro che non hanno estrapolato tali perdite dal loro gestionale.
Non bisogna comunque dimenticare che lo stesso lavoro dovrebbe essere
approntato anche per i casi (peraltro non rarissimi…) di aumento dei prezzi
dove ovviamente, però, si genera una sopravvenienza attiva!
(roberto santori)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!