RC auto: dal 18 ottobre è sparito il contrassegno assicurativo dalle
vetture

Dal 18 ottobre scorso è virtualmente scomparso dai parabrezza e dai
finestrini degli autoveicoli il contrassegno assicurativo cartaceo.
I controlli, infatti, verranno ora effettuati dalle forze dell’ordine
elettronicamente attraverso la consultazione di una banca dati istituita
presso la Motorizzazione Civile e alimentata dalle comunicazioni delle
compagnie assicurative: sarà possibile, quindi, individuare i trasgressori
e contravvenzionarli direttamente senza necessità di alcun controllo fisico
sul mezzo.
La novità, contenuta peraltro nel D.L. 1/2012, è volta ad eliminare il
fenomeno della falsificazione dei contrassegni e la conseguente evasione
dal pagamento dell’assicurazione obbligatoria.
Ricordiamo che la violazione del relativo obbligo è soggetto ad una
sanzione che va da un minimo di 841 ad un massimo di 3.336 euro oltre al
sequestro del veicolo.
Tuttavia nella prima fase di attuazione le compagnie di assicurazione
continueranno a consegnare il tagliando di carta per mere finalità
informative, ma ben presto sarà soltanto un ricordo, alla stregua di tanti
altri “pezzi di carta” sostituiti dai byte contenuti in un data base.
(tonino di carlo)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!