LA PERSISTENTE INAPPLICABILITÀ DEL SILENZIO-ASSENSO PER L’ISTANZA DI
TRASFERIMENTO DEL LOCALE FARMACIA – QUESITO
Per il trasferimento dei locali della farmacia (a pochi metri, quindi senza
nessun elemento ostativo) vale ancora il silenzio assenso trascorsi 60
giorni dalla presentazione della domanda al comune (dpr 407/94 tabella c
punto 52)?

Il CdS, con la sentenza n.5433 del 13/11/2014, ha precisato che il DPR
407/94, cui Lei fa riferimento, è stato implicitamente abrogato dall’art.
20 della l. 241/1990, come modificato nel febbraio e marzo 2005 dal D.L.
15/2005 e dal D.L. 35/2005.
Ora, il trasferimento dei locali di farmacia è senz’altro compreso nella
materia della “tutela della salute” (la disciplina dell’organizzazione del
servizio farmaceutico va infatti ascritta a tale materia, come sancito
anche dalla Corte Costituzionale con le sentenze n. 87/2006 e n. 295 del
2009), per la quale il quarto comma dello stesso art. 20 della l. 241/90
esclude espressamente l’istituto del “silenzio assenso” .
Né le modifiche normative intervenute con la recente approvazione della
legge di riforma della pubblica amministrazione (meglio conosciuta come
“riforma Madia”) hanno influito su tale disposizione.

(stefano lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!