Esenti da imposta gli accordi per la sola riduzione dei canoni di locazione
– QUESITO

Ho letto che il decreto “Sblocca Italia” ha recato delle agevolazioni per
coloro che riescono a spuntare con il proprietario delle mura una riduzione
del canone di locazione.

In effetti l’art. 19 del d.l. 133/2014, convertito in l. 5/11/2014 n. 164
(c.d. “Sblocca Italia”), ha previsto l’esenzione dall’imposta di registro e
bollo dell’atto con cui le parti dispongono esclusivamente la riduzione del
canone di locazione di un contratto già in essere.
Inoltre, con la conversione in legge è stata aggiunta un’ulteriore
disposizione per la quale tali accordi di riduzione – o riassunti con
l’intervento delle associazioni di proprietari e inquilini – consentono ai
comuni di riconoscere un’aliquota ridotta ai fini dell’imposta municipale
propria (I.M.U.).
(andrea piferi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!