Quando decorre ai fini fiscali l’impresa familiare – QUESITO

Sono diventato titolare da un paio di mesi e gestisco la farmacia con i
miei due figli, uno farmacista.
Abbiamo formato l’impresa familiare ancor prima della titolarità, ma ci è
stato detto che ai fini fiscali l’atto notarile avrà effetto dal prossimo
anno.

Secondo il principio generale (art. 5, comma 4 del TUIR), il riconoscimento
degli utili imputati ai collaboratori familiari, nella misura massima del
49% dell’utile che figura nella dichiarazione dei redditi
dell’imprenditore, richiede che l’atto formativo dell’impresa familiare –
nel quale devono evidentemente figurare i nominativi dei familiari
collaboratori con l’indicazione dei rispettivi rapporti di parentela (e non
invece anche le relative quote di partecipazione che infatti si determinano
sempre ex post, cioè al termine di ciascun esercizio annuale) – intervenga
in data anteriore all’inizio del periodo di imposta di riferimento.

Senonché, nella vicenda descritta nel quesito questo principio non si
applica appunto perché l’esercizio della farmacia ha avuto inizio soltanto
nel corso dell’anno.

È imprescindibile però che l’atto formativo dell’impresa familiare sia
formalizzato immediatamente prima, o anche contestualmente (ma non oltre)
all’inizio dell’attività e naturalmente registrato nei termini, come del
resto sembra essere avvenuto proprio nel Suo caso, e quindi la vostra
impresa familiare produce pienamente i suoi effetti, anche fiscali, già nel
corso di quest’anno, ed esattamente dall’avvio dell’attività.

Questa conclusione non ci pare seriamente contestabile e perciò quel che
Le è stato riferito non ha alcun fondamento.

(stefano civitareale)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!