Ancora sulla “produttività” della farmacia per addetto – QUESITO

In riferimento alla norma che accosta ogni dipendente a 300.000 euro di
fatturato, vorrei sapere qual è la norma che stabilisce questo dato
importantissimo.

Non esiste, né è mai esistito in realtà alcun riferimento normativo alla
presunzione – perché tale è – secondo cui ogni addetto della farmacia
“deve” produrre un fatturato di € 300.000, ma sono gli studi di settore
approvati appunto per le farmacie ad individuare questo elemento, che
peraltro da qualche tempo non coincide con i dati economici che si
registrano dai bilanci.
Come abbiamo infatti segnalato nella Sediva news del 14/05/2014 (“La
“produttività” per mq del locale farmacia e per unità lavorativa – Il
ricavo medio giornaliero”), la “produttività” media annua rilevata per le
farmacie da noi assistite è risultata pari – dividendo naturalmente
l’ammontare complessivo delle vendite al netto dell’iva per il numero degli
addetti – a Euro 283.078,00, un valore che perdipiù tende a scendere in
presenza di situazioni aziendali specifiche.
E però, come abbiamo già osservato, questo è un dato che riguarda non
soltanto il “dipendente” – come il quesito sembra assumere – ma appunto l’
addetto, una figura in cui rientrano il titolare della farmacia, tutti i
soci, ovviamente i dipendenti (farmacisti e non), i componenti dell’impresa
familiare, i collaboratori coordinati, gli associati in partecipazione,
ecc…

(franco lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!