Nel nuovo redditometro può entrare in gioco anche la “famiglia di fatto” –
QUESITO

Il mio compagno ha ricevuto una richiesta di documentazione ai fini del
redditometro per il 2009 ma il suo tenore di vita, se guardiamo all’intera
disponibilità della coppia e non soltanto al suo reddito personale,
dovrebbe essere più che giustificato.

Ai fini del c.d. “redditometro”, come forse è noto, la dimostrazione di una
capacità di spesa superiore al reddito dichiarato può fornirsi anche
facendo riferimento al c.d. reddito familiare, e dunque può così
“giustificarsi” anche il figlio nullatenente che circoli in Ferrari o che
acquisti un appartamento.
Senonché, una recente sentenza della Cassazione (n. 5365 del 07/03/2014) ha
precisato che il nucleo familiare si identifica con la sola famiglia
naturale, costituita dai coniugi conviventi e dai figli, aggiungendo che
“la presunzione del concorso di tali soggetti alla produzione del reddito
[…] trovando fondamento nel vincolo che lega le predette persone, e non già
nel mero fatto della convivenza, esclude la possibilità di desumere da
quest’ultima il possesso di redditi prodotti da un parente diverso o da un
affine, in quanto tale estraneo al nucleo familiare”.
La pronuncia si riferisce, però, al vecchio “redditometro”, applicabile
fino al periodo d’imposta 2008, mentre con il nuovo – entrato in funzione
dal 2009 – è la stessa Amministrazione finanziaria a mutare indirizzo,
chiarendo (Circ. 6/E/2014) che dovrà tenersi conto, per quanto possibile,
della famiglia “anagrafica” e non solo di quella “fiscale” ricomprendendo
quindi nel “reddito familiare” anche quello prodotto dai figli maggiorenni,
dagli altri familiari conviventi non fiscalmente a carico e, in generale,
dai conviventi di fatto.
Questo nuovo indirizzo – che, prendendo atto e recependo i mutamenti
sociali di questi ultimi anni, equipara la famiglia legale a quella di
fatto – restituisce quindi “equità sociale” all’azione dell’accertamento,
evitando deprecabili disparità di trattamento tra situazioni
sostanzialmente identiche.
(stefano
civitareale)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!