Per l’iscrizione al VIES si apre il canale telematico

L’iscrizione al VIES (Vat Information Exchange System) – il sistema che
consente di rendere trasparenti le partite iva (tra cui quelle delle
farmacie, naturalmente) che pongono in essere operazioni commerciali in
ambito comunitario, allo scopo evidentemente di evitare truffe, raggiri,
ecc. – d’ora in poi sarà più agevole perché potrà avvenire anche in via
telematica.

Ricordiamo con l’occasione che l’iscrizione può essere effettuata o in sede
di dichiarazione di inizio attività o anche successivamente, con apposita
domanda.

Entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione, se non
intervengono provvedimenti di diniego da parte dell’Agenzia delle Entrate,
il soggetto si può considerare iscritto (opera quindi il c.d. “silenzio-
assenso”) e può pertanto effettuare operazioni di acquisto e/o cessione in
ambito comunitario.

Dopodiché, l’Agenzia delle Entrate ha tempo altri 6 mesi per svolgere
controlli più approfonditi ed emettere, in caso di esito negativo, un
provvedimento, questa volta, di revoca dell’inserimento del contribuente
nell’archivio.

(paolo liguori)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!