Il due per mille ai partiti politici – QUESITO

Come è stato infine regolato il famoso 2 per mille ai partiti?

Il sistema di contribuzione volontaria del due per mille ai partiti
politici è disciplinato dalla L. n. 13/2014, che ha convertito con
modificazioni il dl. 149/2013, sull’abolizione del finanziamento pubblico
diretto, la trasparenza e democraticità dei partiti.
Ogni contribuente sin dalla dichiarazione dei redditi 2013, da presentare
prossimamente, potrà indicare nel Mod. Unico o nel Mod. 730 la
destinazione appunto ai partiti politici dell’importo pari al due per mille
dell’irpef, compilando un’apposita scheda che l’Agenzia delle Entrate
fornisce in via telematica.
I partiti politici, ricordiamolo, sono: Fratelli d’Italia, Partito
Autonomista Trentino Tirolese, Sinistra Ecologia e Libertà, UDC, Lega Nord,
Partito Democratico, Scelta civica, Unione Valdotaine, Forza Italia,
Partito Socialista Italiano, Sudtiroler Vlokspartei.
Alle scelte ben note dell’otto e del cinque per mille si aggiunge dunque
quella del due per mille, ma con una differenza sostanziale.
Per l’otto per mille a una confessione religiosa e per il cinque per mille
a una onlus la percentuale dei votanti ripartisce la somma globale,
cosicché, ad esempio, se un solo contribuente esprimesse l’opzione in
ordine all’otto per mille, scegliendo di devolverlo alla Chiesa Cattolica,
a quest’ultima verrebbe assegnato l’otto per mille dell’intero ammontare
dell’Irpef riscosso dall’Erario.
Invece per il due per mille il gettito spettante ai partiti (e sempre
ripartito tra loro secondo le scelte dei contribuenti) è circoscritto al
solo importo dell’Irpef dovuta da coloro che effettivamente hanno espresso
tale opzione.
La scheda per il due per mille, come accennato, è reperibile su internet ed
è di facile compilazione in quanto prevede i dati anagrafici del
contribuente e l’indicazione del partito a cui si vuol destinare il
contributo.
Il termine per la scelta coincide evidentemente con quello di presentazione
della dichiarazione dei redditi, che è fissato al 30 settembre 2014 per il
Mod. Unico e al 30 giugno 2014 per il Mod. 730.

(franco lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!