Fringe benefit al personale dipendente

Nel corso degli incontri con le nostre farmacie – sinora tenuti a Roma e in
altre tre o quattro province, ma che stiamo organizzando anche in altre
sedi regionali o provinciali – ci soffermiamo anche su questo specifico
argomento, tentando di offrire alle farmacie le soluzioni più opportune – e
meno onerose per le casse aziendali – per venire incontro alle esigenze del
personale dipendente, che di questi tempi possono talora rivelarsi
particolarmente sentite.
Siamo quindi in tema di fringe benefit che, come noto, si risolvono in
compensi in natura concessi al lavoratore ma che al tempo stesso godono di
particolari vantaggi fiscali, perché da un lato non sono generalmente
imponibili per il dipendente e dall’altro sono deducibili come costo di
esercizio per la farmacia.

1. Omaggi aziendali
Gli omaggi non devono evidentemente essere in denaro, ma in beni e servizi,
anche mediante, ad esempio, buoni spesa (non buoni pasto, che, come
vedremo subito, sono un’altra cosa); c’è però il limite di € 258,23 annui
per unità lavorativa.
Sugli omaggi, sempre nel rispetto di questo tetto massimo, non sono
previste ritenute a carico dei dipendenti né contributi gravanti sul datore
di lavoro.

2. Auto aziendali
Ai dipendenti può essere assegnata in uso anche privato (cioè, promiscuo)
una vettura inserita tra i beni aziendali come cespite ammortizzabile.
La deducibilità spetta nella misura del 70% della spesa d’acquisto, mentre
l’IVA ad essa inerente viene recuperata in ragione del 40% del suo
ammontare.
Nella busta paga del dipendente risulta un compenso in natura – pari al 30%
del costo chilometrico annuo, determinato annualmente dall’Aci per una
percorrenza media di 15.000 km – da assoggettare a ritenute fiscali e
previdenziali: Fiat 500, € 1.821,13 (pari al 30% della tariffa Aci per il
2014) : 12 mesi = € 151,76 al mese.

3. Fabbricati
Anche i fabbricati di proprietà del titolare di farmacia in quanto tale,
quindi inseriti nel patrimonio aziendale, ovvero posseduti dalla farmacia
quale parte conduttrice, possono essere concessi in uso o in comodato al
dipendente (che magari abbia la sua residenza abituale in un comune lontano
dal luogo di esercizio della farmacia), nella cui busta paga figurerà in
tal caso – in linea generale e salvi approfondimenti caso per caso – un
valore assoggettato a imposte e contributi soltanto per un importo pari
alla differenza tra la rendita catastale del fabbricato e quanto
eventualmente corrisposto dal dipendente al datore di lavoro.
Esempio: rendita catastale € 1.800, in busta paga figurano € 150 al mese (€
1.800 : 12), sui quali il datore di lavoro paga i contributi inps e il
lavoratore le ritenute fiscali e previdenziali.

4. Buoni pasto
Il valore giornaliero limite ammesso interamente al beneficio in argomento
è di € 5,29 ed è questo dunque l’importo da inserire in busta paga, e
perciò: € 5,29 per 26 giorni = € 136,76.
Sul buono pasto non sono previste ritenute a carico del dipendente né
contributi a carico del datore di lavoro, mentre il suo intero valore (che
aziende del settore forniscono in veste di “ticket”), esposto nella
fattura d’acquisto, è deducibile per la farmacia che sostiene la spesa.

5. Somme erogate dal datore di lavoro per asilo nido, colonie, borse di
studio a favore dei familiari dei dipendenti.
Questi importi, documentati dal soggetto percipiente (asilo nido, ecc.),
sono deducibili dal reddito della farmacia ma in misura non superiore al
5×1000 dell’ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente
risultante dalla dichiarazione dei redditi, e non sono assoggettati a
ritenute fiscali, né a contributi inps.
Tuttavia, questi benefit per godere di tale regime devono – al pari dei
buoni pasto – essere erogati a tutti i dipendenti (collaboratori, commessi,
magazzinieri, ausiliari) ovvero a tutti gli appartenenti ad una stessa
categoria; diversamente, se cioè erogati “ad personam”, sono interamente
assoggettati a ritenute e contributi.

(franco lucidi)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!