Ancora sul contratto di locazione commerciale alla prima scadenza –
QUESITO

In merito alla Vs. news del 3/02/2014, ci risulta che, una volta pagata
l’imposta con mod. F23 per un contratto di locazione commerciale alla prima
scadenza, non si debba più consegnare l’avvenuto versamento entro venti
giorni all’ufficio preposto.

Ai sensi dell’art. 17, comma 2, del T.U. Registro, “L’attestato di
versamento relativo alle cessioni, alle risoluzioni e alle proroghe deve
essere presentato all’ufficio del registro presso cui è stato registrato il
contratto entro venti giorni dal pagamento.”
La lettera della legge, quindi, non lascia alcun dubbio e del resto la
previsione di tale incombenza si spiega agevolmente, perché consente
all’Ufficio di venire a conoscenza della prosecuzione del rapporto
contrattuale anche ai fini delle verifiche “incrociate” in materia di
imposte dirette sui canoni di locazione percepiti dal locatore.
Invece, per la registrazione del contratto utilizzando il canale
telematico, il sito web dell’Agenzia delle Entrate avverte: “Qualora si
debba effettuare un pagamento successivo alla registrazione (per annualità
successive, proroghe, cessioni, risoluzioni, ecc.) è necessario indicare il
codice ufficio presso il quale è avvenuta la registrazione del contratto,
anche se lo stesso risulta soppresso al momento del pagamento”.
In tal modo, collegando il versamento dell’imposta per le annualità oggetto
di proroga alla registrazione originaria del contratto, le esigenze
informative dell’Ufficio sono parimenti soddisfatte.
(mauro giovannini)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!