Le prestazioni lavorative nelle ore notturne della lavoratrice madre –
QUESITO

Dovrei organizzare i turni di reperibilità notturna e vorrei sapere se tra
i vari dipendenti posso usufruire anche della prestazione lavorativa di una
farmacista in allattamento.

Il legislatore, nel quadro delle tutele assicurate alle lavoratrici madri,
ha previsto anche, oltre all’astensione per maternità, dei riposi
giornalieri e una serie di divieti tra cui anche quello di utilizzo delle
lavoratrici nelle ore notturne.
In particolare, è vietato adibire al lavoro le donne in gestazione dalla
mezzanotte alle ore sei, e questo dalla data di accertamento dello stato di
gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino.
Pertanto, Lei non potrebbe organizzare i turni di reperibilità usufruendo
anche dell’attività lavorativa della farmacista madre.
Ricordiamo altresì che hanno facoltà di rifiutarsi dal prestare lavoro
notturno anche: a) la lavoratrice madre di un figlio di età inferiore ai
tre anni; b) la lavoratrice che sia l’unico genitore affidatario e
convivente di un minore di età inferiore a 12 anni; c) la lavoratrice che
abbia a suo carico un soggetto disabile.

(marco porry)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!