Maggiorazione TARES senza sanzioni se il bollettino arriva fuori tempo
massimo

Come abbiamo già avuto modo di rilevare (v. Sediva News del 12/12/2013),
per il pagamento del saldo TARES 2013 e della quota relativa ai servizi
indivisibili, in scadenza oggi 24 gennaio, i Comuni sono (sarebbero stati)
obbligati a inviare rispettivamente il bollettino ed il modello F24
debitamente precompilati ai contribuenti i quali – come sappiamo – non sono
tenuti ad effettuare alcuna auto-autoliquidazione delle somme dovute.
In ogni caso, durante un question time in Commissione Finanze alla Camera è
stato chiarito a questo proposito che, qualora entro la scadenza fissata
non siano pervenuti i modelli di pagamento da parte del Comune, il
contribuente non sarebbe passibile di alcuna sanzione.
Chi pertanto non ha ricevuto i modelli di pagamento in tempo utile per il
rispetto della scadenza odierna, non ha nulla da temere, né nulla deve fare
se non attendere di ricevere il tutto e provvedere quanto prima al
pagamento.

(Studio Associato)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!