Scheda carburante: è necessario compilarla correttamente – QUESITO

Vorremmo sapere se è ancora la famosa “scheda carburante” il documento
valido ai fini fiscali.

È tuttora così, e del resto una sentenza della Commissione Tributaria del
Lazio dello scorso anno ha ribadito che l’unica documentazione fiscale
ammessa per i rifornimenti di carburante dei mezzi aziendali è tuttora
rappresentata dalla scheda carburante correttamente compilata in tutte le
sue parti.
Come sappiamo, per la formazione di questo documento la norma non prevede
un modello ministeriale (o simile), ma ne propone semplicemente uno
“schema” (quindi con libertà di forme) prevedendo soltanto gli elementi che
indefettibilmente vi devono essere indicati sia dall’impresa intestataria
del veicolo (intestazione e sede, targa del veicolo, mese o trimestre di
riferimento) che dal titolare dell’impianto di distribuzione del carburante
(data del rifornimento, prezzo complessivo comprensivo di iva,
denominazione e ubicazione dell’impianto, firma di convalida).
In ordine a tali ultime indicazioni ricordiamo (v. Sediva News del
1/02/2008) che la Cassazione ha stabilito che la sottoscrizione
dell’esercente dell’ impianto, lungi dall’essere un dettaglio formale,
costituisce un elemento essenziale in difetto del quale è preclusa la
detrazione dell’IVA.
Due anni fa (v. Sediva News del 19/12/2011) il D.L. 70/2011 convertito
dalla legge 106/2011, ha esonerato dall’obbligo della tenuta della scheda
carburante i soggetti che effettuano acquisti di carburante esclusivamente
mediante carte di credito, poiché in tal caso l’identificazione del
soggetto che effettua il rifornimento, nonché l’ammontare dello stesso,
sarebbero documentati, ai fini di un controllo fiscale, dalle stesse
modalità di pagamento. Ma la disposizione, per la verità piuttosto vaga,
necessita dei chiarimenti ufficiali, che tardano a giungere.
Nel frattempo, quindi, dobbiamo nel concreto continuare ad usare la
“vecchia” scheda, stando bene attenti alla sua compilazione, come appena
ricordato.

(stefano
civitareale)

La SEDIVA e lo Studio Bacigalupo Lucidi prestano assistenza contabile, commerciale e legale alle farmacie italiane da oltre 50 anni!